"HR database info" del 18/06/2021

Ogni settimana scoprite gli articoli più interessanti nella newsletter « Hr database info ».

Focus sul mondo delle risorse umane, sull’evoluzione degli equilibri all’interno delle aziende, sul work balance e sui nuovi strumenti per gestire al meglio il proprio lavoro.

pre/VISIONIHR by HRDatabase, quali sono nuove modalità di lavoro nel mondo HR?

Oggi pre/VISIONIHR by HRDatabase è felice di dare il benvenuto al team di Skilla: a loro la parola nelle risposte alle nostre domande.

Come è cambiato il vostro modo di lavorare? Abbiamo sicuramente vissuto l’esperienza di tantissime altre organizzazioni, ma siamo stati facilitati perché avevamo già avviato esperienze di Smart Working molto tempo prima del lockdown ed il fatto di essere un’azienda di editoria multimediale, con persone  ad alta professionalità, giovani e con competenze digitali evolute, ha permesso di riorganizzare il lavoro a distanza, con il 100% delle persone in smart working, in tempi rapidissimi, con la necessità di gestire un carico di lavoro quasi raddoppiato, perché il nostro servizio, quello della formazione a distanza, è stato fondamentale per i nostri clienti per continuare la formazione. Durante il lockdown sono state assunte 15 nuove persone, che si sono aggiunte alle 35 già in organico e con nessuno dei nuovi entrati c’è stato un rapporto faccia a faccia, perché si è gestito tutto online, dalla selezione alla formazione di ingresso fino all’operatività piena. 

Come è cambiata la comunicazione nel rapporto con i clienti? Siamo cambiati noi e sono cambiati i clienti, abbiamo preso insieme consapevolezza prima e la cultura e l’esperienza gestionale poi, che la gestione a distanza della relazione fornitore cliente non solo non ha subito limitazioni o perdita di valore della relazione, ma ha portato alcuni inaspettati vantaggi, come quello della maggiore rapidità di risposta da parte nostra e di focalizzazione della domanda di servizio da parte del cliente. La nostra cultura, chi lavora con noi lo sa benissimo, è quella del partner che vuole dare sempre il massimo della qualità e della soddisfazione, non del semplice fornitore.
Tutti i nostri collaboratori ci dicono che, pur comunicando a distanza, complice probabilmente il clima di emergenza e eccezionalità vissuto, le relazioni umane sono diventate più dirette, informali, con il valore della fiducia sempre più centrale.

Come cambierà il mondo del lavoro nel futuro? I segni del cambiamento li stiamo già vedendo, sul piano dell’organizzazione del lavoro, dell’accelerazione della digitalizzazione del lavoro, dell’affermarsi di nuovi valori del lavoro.
Sul piano dell’organizzazione del lavoro, è sempre più accentuata l’ibridazione tra fisico e virtuale, con modelli che tendono a rendere sempre più snelle le decisioni, le gerarchie e le procedure, perché la velocità di reazione ai cambiamenti sarà sempre più uno dei fattori più importanti per la sopravvivenza delle organizzazioni.
Sul piano della digitalizzazione assistiamo ad una accelerazione in tutte le funzioni aziendali, dal marketing alle vendite, amministrazione, finanza e controllo, produzione, gestione del personale. Il nostro settore, quello della formazione aziendale, è uno che sta cambiando più rapidamente in questa direzione. Con la fine della pandemia le persone vorranno giustamente rivedersi, toccarsi, riprendere le fondamentali relazioni sociali, ma nulla tornerà come prima.

Quali timori e quali opportunità percepite? I timori a breve sono quelli legati alla paura della vicinanza, ci vorrà un po’ di tempo prima di riprendere confidenza con gli spazi di lavoro, che dovranno essere comunque ripensati, e con le relazioni personali faccia a faccia. Ci sarà poi la necessità di trovare nuovi equilibri tra tempo di presenza in ufficio e tempo in smart working, ogni persona avrà esigenze diverse, da conciliare con quelle del proprio gruppo. Sicuramente la maggiore flessibilità e l’autogestione dei tempi e modalità di lavoro rappresentano un grande passo in avanti per lo sviluppo personale di ognuno, perché la responsabilità è un valore e al tempo stesso un accrescimento professionale, che rende più libera, meno “dipendente”, parola che abbiamo abolito nella nostra organizzazione, e più intraprendente, verso quello che nell’apice della famosa piramide motivazionale di Maslow è l’autorealizzazione.

Ringraziamo Skilla per essere stati nostri ospiti, vi diamo appuntamento alla prossima settimana con altre pre/VISIONIHR!

Contattateci per maggiori informazioni!

Con la newsletter di lefac.com, puoi trovare notizie settimanali sul mondo dei media e della comunicazione.


Iscriviti alla newsletter

Registrati ora


Inviaci i tuoi comunicati stampa a info.italy@lefac.com

Copyright © 2019 TBS Group All rights reserved l Privacy Policy l Condizioni generali